fbpx
  • 3493784152
  • 3477882169
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Piccioni abbattuti, rabbia animalisti

LA NOTIZIA CHE SEGUE RIPORTA QUELLA CHE è UNA CATTIVA ABITUDINE. QUANDO SI HANNO PROBLEMI DI INFESTAZIONI è SEMPRE BENE RICORRERE ALL'INTERVENTO DEI PROFESSIONISTI.

Le associazioni animaliste insorgono contro l’abbattimento, avvenuto nei giorni scorsi a Sesto, di "un numero imprecisato ma elevato di piccioni" da parte della Polizia provinciale della Città Metropolitana di Firenze. L’intervento è scattato su richiesta di un privato per salvaguardare le sementi poste sui suoi terreni. "Tale prassi – sottolinea Lav Firenze - purtroppo è ricorrente e ogni anno nella zona centinaia di animali vengono massacrati. Questa azione condanna a morte anche i pulli dei colombi che non potranno ricevere più sostentamento dai genitori e le necessarie cure parentali". Per questo l’associazione chiede alla Regione Toscana, ai Comuni e alla Città metropolitana di mettere in atto pratiche meno cruente per il contenimento del numero di piccioni "ad esempio la somministrazione di prodotti antifecondativi in apposite mangiatoie".

Giudizio durissimo anche quello dell’associazione Gabbie vuote che, in una lettera inviata a diversi destinatari della Regione e della Città Metropolitana, chiede di conoscere "le colture danneggiate dai piccioni, l’importo e la localizzazione dei danni accertati nel 2020 e il tipo di sistemi preventivi di dissuasione e controllo ecologico che non hanno dato risultati". Interventi di questo tipo vengono effettuati in caso di danni all’agricoltura o di sicurezza, molto spesso nei confronti di cinghiali.

Fonte LaNazione.it del 23/04/2021